Share
rotate background

Intimità Temporanee – Cabine d’Essayage

Installazione architettonica multimediale presentata nell’ambito della mostra Intimità Temporanee, Spazio Artelier, Lugano, 2003. Con Anne Lombard, stilista, Losanna Foto: Piernicola Federici, Catalogo Artelier

 

Appare oggi, in maniera vieppiù evidente, che la tradizionale distinzione tra pubblico e privato non si pone più nei termini sinora validi. La pervasività dello spazio pubblico, attraverso tecnologia e mass media, entra nella sfera del privato. A sua volta, lo spazio pubblico di piazze e di strade diventa privato attraverso telecamere a circuito chiuso e meccanismi di identificazione. Alla scala più minuta, lo spazio privato ed intimo del corpo si confronta costantemente con lo spazio pubblico del corpo sociale attraverso un limite sempre più labile, permeabile, ed in continuo riposizionamento. Da queste considerazioni iniziali nasce il progetto multidisciplinare Intimità Temporanee: Cabine d’Essayage, un’installazione multimediale dove il tema dell’intimità e della privacy è al centro dell’indagine.
Frutto della collaborazione con la stilista losannese Anne Lombard, Intimità Temporanee: Cabine d’Essayage reinterpreta l’idea di cabina di prova per abiti visibile in qualsiasi negozio che tutti noi abbiamo utilizzato. Qui però lo spazio intimo e privato all’interno della cabina di prova è violato da una telecamera di sorveglianza che proietta la scena all’interno degli spazi della mostra.

La cabina diventa meccanismo identitario, riposizionando continuamente il limite tra pubblico e privato.
Attraverso questo dispositivo voyeuristico, vengono inoltre presentati i capi della collezione.

  • /